.
    

Nuovi corsi

                                                                                                                                                                                                ISCRIVITI QUI          VIDEO PRESENTAZIONE

Le eccellenze della scuola piemontese libertas di formazione sportiva

 TRA CONTINUITA’ E PROGRESSO: I CORSI DI FORMAZIONE

Anno nuovo, vita… vecchia. Ma nel senso più innovativo e costruttivo del termine. Perché nello sport come nella vita, quando si ha l’opportunità di lavorare su una base solida e collaudata, non ha senso cambiare per il semplice gusto di farlo o solo per stuzzicare la fantasia della gente: molto più consigliabile crescere attraverso una rivisitazione attenta di ciò che è già stato fatto. Conservando cioè la piattaforma programmatica di base e arricchendola di volta in volta degli insegnamenti che un appropriato e continuo aggiornamento ti permette di ricavare dal vissuto quotidiano. E’ questo il percorso organizzativo che la Scuola Regionale Libertas di Formazione Sportiva del Piemonte si è prefissa di compiere fin dalle sue origini e che qui vi riproponiamo in una sintetica ma speriamo funzionale carrellata informativa.

 

CHI SIAMO – La Scuola nasce nel 1981 e viene subito intitolata alla memoria del dott. Giuseppe Gilardi, bel campo sportivo più conosciuto come Beppe, figura storica e indimenticabile della Libertas non solo piemontese. Fin dalle sue prime esperienze, cerca di unire valori e concretezza, conquistandosi rapidamente spazio e credibilità sul territorio. Già nel suo primo anno di attività, la nuova struttura ottiene dalla Regione Piemonte la “Presa d’atto”, riconoscimento all’epoca molto significativo per parametrare il livello di efficienza e dinamismo di un’associazione. Successivamente, alla fine deli Anni Ottanta, a livello nazionale Libertas viene invece riconosciuta come Centro Sperimentale Pilota per corsi decentrati di formazione e tappa intermedia per l’ammissione ai Seminari Nazionali. Dopo un momento di stabilizzazione della propria attività, la Scuola riprende a correre con rinnovati propositi di crescita negli Anni Duemila, allargando anche i propri orizzonti formativi attraverso un “patto di collaborazione” con il CONI e alcune federazioni sfociato, in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Formativo 2009/10, nella stesura di un prestigioso protocollo d’intesa tra la Scuola Libertas “Beppe Gilardi” e il CONI piemontese.

                              

GLI OBIETTIVI – Già negli Anni Ottanta, la Scuola cominciò a muoversi per creare figure professionalmente qualificate ma anche in possesso di quello spirito sociale indispensabile per la crescita globale della persona, un intento del resto ampiamente espresso dalla Libertas nel suo Statuto. Un percorso da subito finalizzato a operare nel campo dell’educazione fisico-motoria e sportiva ma ben presto con le caratteristiche giuste per incidere pure in quello culturale, del tempo libero e della reintegrazione motoria di anziani e soggetti disabili. Col passare degli anni, l’attività si è sempre più specializzata nella ricerca di corsi e iniziative che, oltre a preparare adeguatamente l’allievo, contribuissero a offrirgli una serie di sbocchi professionali d’un certo livello. Così, chi supera l’esame-Libertas entra in possesso di qualifiche che sono riconosciute dal Sistema Nazionale delle Qualifiche dei Tecnici Sportivi (SNaQ) del CONI – Scuola dello Sport, con validità anche al di fuori dell’Ente.

 

LA STRUTTURA – Per garantire un insegnamento rapportato alla qualità della proposta didattica, la Scuola si avvale d’una macchina organizzativa di alto livello, guidata dal Presidente Dott.sa Enrica Lanza, da sempre attiva ed entusiasta interprete del mondo sportivo (è anche Presidente Regionale Libertas del Piemonte, Docente Formatore Nazionale Libertas e Dirigente sportivo nel campo natatorio), e composta dal Responsabile Regionale della Formazione, dott. Vincenzo Santoleri, dal coordinatore tecnico-scientifico e organizzativo, dott. Daniele Miniotti, dal coordinatore area medico-psicopedagogica e disabilità, dott. Daniele Turini, da ben 34 Docenti Formatori e da numerose altre qualificate figure. Uno staff di comprovata efficacia che interagisce opportunamente col Prof. Fulvio Martinetti, Responsabile Nazionale Dipartimento Formazione Libertas.

                                                                            

I CORSI – Con queste premesse, di anno in anno la Scuola si sforza di offrire un panorama didattico sempre più completo e al tempo stesso innovativo. Sarà così anche per il 2019, con un Anno Formativo che sarà inaugurato giovedì 4 Aprile  e proporrà corsi per Qualifiche Tecniche di 1° e 2° livello, articolati in due fasi: una formazione di Parte Generale comune a tutti i corsi e una serie di lezioni finalizzate all’insegnamento specifico della tematica in questione. L’auspicata sintesi fra esperienza e futuro, ha prodotto anche stavolta un menù articolato nel quale segnaliamo, per la sua valenza in prospettiva, il corso per educatore sportivo di base in disabilità. Si tratta di una figura per la quale la Scuola Libertas del Piemonte è stata la prima a creare una sperimentazione pilota, in modo da offrire un opportuno supporto agli Operatori socio-sanitari che si occupano delle persone disabili: un’iniziativa che il Comitato Italiano Paraolimpico riconosce e apprezza. Nell’Anno Formativo 2019 trovano spazio anche i corsi per istruttore di nuoto di 1° grado (riconosciuto anche FIN), assistente bagnante (piscina e mare), animatore sportivo giovanile, personal trainer di 1° grado, istruttore di allenamento funzionale di 1° grado, istruttore di pilates di 1° grado, promotore sportivo del tennis e addetto alla conduzione tecnologica per impianti di piscina, un altro indirizzo di recente individuazione, molto seguito e apprezzato. Insomma, con noi non vi annoierete nemmeno l’anno prossimo!